Foto di Pixabay da Pexels
Foto profilo di Vavva su DiagramStory

Vavva

3 storie | 32 paragrafi

  • Far fluire le idee
    Doveva organizzare le idee, ma non voleva troppo incasellare la sua mente e le intuizioni in modo schematico, sentì il bisogno di muoversi, camminare, in modo da lasciar libere le idee che man mano affioravano. Raggiunse il fiume, quel fluire lo faceva star bene. Incrociò diverse persone e riflettè che per creare una nuova società doveva coinvolgere qualcuno che sentisse la sua stessa voglia di cambiamento...

    Paragrafo 2 - Tratto da Nuova vita a Burana di Il fratello di Alice

  • Sviscerare
    Aveva proprio bisogno di guardarsi dentro, ma anche di confronto, di capire cosa gli  altri vedono di lei, in lei. Le venne voglia di uscire, passare del tempo con qualche amicizia dell'infanzia o qualcuno che l'avesse vissuta quando era piccola...

    Paragrafo 5 - Tratto da A ritroso per proseguire di Vavva

  • Ripensamenti
    Ed ecco la sensazione tornare, ormai la conosceva quella forza strana che la faceva decidere, agire e poi ripensarci, bloccarsi, confusione allo stato puro. Partire...ne sentiva la necessità eppure un freno a mano interiore le chiudeva la gola. "Cosa mi aspetto di trovare, di provare..." le domande non la smettevano più di fluire...

    Paragrafo 15 - Tratto da A ritroso per proseguire di Vavva

  • Riannodare i fili
    che le aveva permesso di ottenere successi nel lavoro, ma che l'aveva segnata umanamente. Si era trovata con colleghi ostili, che avevano fatto squadra nel renderle tutto difficile, isolandola. L'ambiente non amichevole l'aveva portata a concentrarsi al massimo sul lavoro, ma se ci ripensava le tornava in mente la desolazione che aveva provato per quella freddezza. Non era la prima volta che le succedeva di creare scompiglio in un gruppo, forse qualcosa in lei faceva paura e ora le era vitale cercare di capire, riannodare i fili della sua personalità complessa...

    Paragrafo 15 - Tratto da A ritroso per proseguire di Vavva

  • Mettersi al centro
    Si guardò allo specchio mentre rifletteva, scostò una ciocca ramata dalla fronte, già iniziava la silente critica interna che come un sottofondo appena percepibile la accompagnava sempre...ma perchè qualcosa in lei ce l'aveva così tanto con lei stessa? Forse era di sé che doveva innamorarsi prima di poter amare davvero...

    Paragrafo 3 - Tratto da A ritroso per proseguire di Vavva

  • Concrete pianificazioni
    Pensava al sorriso calmo di Cosmo guardando fuori dalla finestra di quella casa in cui viveva da sempre...quel consiglio le aveva smosso qualcosa nella sua parte concreta, era ora di far qualcosa di tangibile e da lì qualcosa sarebbe successo. Prese un foglio bianco dal cassetto della stampante, accese il pc, una penna verde le sembrò adatta per iniziare a tracciare le linee del da farsi...

    Paragrafo 3 - Tratto da A ritroso per proseguire di Vavva

  • Slanci e auto-boicottamenti
    afferrare la pienezza della vita, quella che spesso sfiorava, poi la vedeva passare oltre...mentre in lei qualcosa frenava, impediva lo scatto e un'altra parte si protendeva per uno slancio... Un susseguirsi di estenuante lotta interiore. Avvertì le sue mani chiudersi a pugno, qualcosa in lei fremere, ribollire, proprio nel momento in cui un'auto accostò accanto a lei...

    Paragrafo 3 - Tratto da A ritroso per proseguire di Vavva

  • Riconoscersi per conoscersi
    Decise in un attimo che voleva sapere chi fosse, rendendosi conto che qualcosa in loro si era già riconosciuto, nell'essere abitanti di quella grande città, ma non sentirla ancora loro, nel portare forse in  sè la nostalgia di qualche campagna così differente da dove si trovavano ora. Lo fissò in modo ancora più diretto e gli si avvicinò: "Scusa la mia sfacciataggine...ma mi ricordi qualcosa, qualcuno..."

    Paragrafo 7 - Tratto da Alla ricerca dell'essere di Ria Nafi

  • Costruire ricordi
    Si fermò per prendere fiato e per godersi quella luce calda che tingeva tutto d'oro. Incrociò uno sguardo, un giovane uomo dalla pelle abbronzata e occhi di brace, si sorrisero quasi senza consapevolezza di farlo. Lui proseguì e lei si ritrovò a pensare che era ora di provare a sentire sua quella città, viversi il tempo lì, costruire ricordi...

    Paragrafo 5 - Tratto da Alla ricerca dell'essere di Ria Nafi

  • Emozioni al volo
    Ivan la raccolse, sorrise. L'avrebbe conservata, usata per creare una sorpresa originale da donarle il giorno successivo. Si rimise a lavorare, con la sensazione sfriccicosa di quando voleva godersi i momenti, le emozioni che arrivano all'improvviso a colorare le giornate...

    Paragrafo 14 - Tratto da Infiniti spazi di Vavva

<< <
/
4
> >>

Entra nella nostra comunità

Crea storie senza fine

Oppure invita i tuoi amici a creare una storia tutta vostra

Registrati subito